Discrasia tra le misurate

Mi sono trovato a confrontare le misurate del rilievo con il (misuratore) della media delle distanze del Visualizzatore Cartografia Catastale e nella circostanza ho notato (giustamente), che la media non aiuta nell’immediato al confronto per via di alcuni Tipi approvati con evidenti errori nelle misurate.
Propongo, se fattibile, di poter eliminare sin da subito il Tipo errato, ovvero porre un colore che ne evidenzi l’attenzione a tale Tipo. Oppure, inserire le “spunte” affianco di ogni misurata e rideterminare il calcolo della media.
Vi riporto lo stralcio della videata dove evidenzio l’anomalia nella speranza di essere stato esaustivo.
Grazie

Ciao Gionata,
sì, hai ragione, è molto pertinente questa tua osservazione, cercherò di implementare quelli che suggerisci. Penso che forse la soluzione migliore sia la seconda che hai suggerito, cioè quella di lasciare facoltà all’utilizzatore di spuntare le misurate di cui calcolare la media, così è l’operatore stesso che può decidere quali scartare. Cosa dici?

Credo sia la migliore, sempre che, sia fattibile predisporre questo tipo di soluzione. Grazie

Buongiorno, prendo spunto per chiedere un consiglio
Sto eseguendo un riconfinamento, e noto differenze di quasi 2 mt tra le distanze dei PF che ho misurato io e quelle del confinatore (esecutore del TF). Da verifiche effettuate anche sui punti vertice utilizzati dal confinatore (misurati anche da me) mi viene da pensare che chi ha predisposto il TF non abbia effettivamente misurato in campo ma si sia “inventato” le misure a tavolino. Ovviamente quando vado a fare la rototraslazione del libretto TF precedente con le mie misure il confine oggetto di verifica non ricade proprio nell’area/zona che dovrebbe (rotazione “strana”). Secondo voi come mi dovrei comportare?
Saluti grazie Stefano

Ciao Stefano e benvenuto sul forum (qui ci diamo tutti del tu, ok?).

La rototraslazione che scarti ti dà? Sono tutti fuori misura oppure sono solo i PF che sballano? Ti chiedo questo perché se qualcuno dei punti del TF che tu hai ribattuto ti dà scarti buoni, significa che quei punti sono stati rilevati correttamente da quel tecnico. Se invece tutti i punti ti danno scarti alti, allora sì, vuol dire che quel TF è stato fatto a tavolino. Se così è un bel problema.

Poi è da vedere se il TF è allegato o richiamato sull’atto di trasferimento, perché è solo questa circostanza a dargli valore giuridico, nel senso che con la sottoscrizione del rogito le parti hanno espresso la loro volontà nel sancire il confine nella posizione del TF. Viceversa il TF è meramente un atto catastale privo di probatorietà legale.

Se ci fornisci le informazioni di cui sopra, potremo approfondire meglio la questione. Meglio ancora se includi il disegno della sovrapposizione tra il tuo rilievo e quello del TF evidenziando le differenze sui punti di aggancio e sul confine. Per inserire immagini, leggi la guida che trovi a inizio pagina.

Ciao Gianni grazie dell’interessamento, settimana prossima (se riesco a trovare del tempo) vorrei andare sul posto a misurare dei punti di dettaglio (sempre che ci sia materializzato qualcosa) dell’altra dividente che ha rilevato il confinatore. Appena ho qualche informazione a corredo ti preparo uno schema del caso
Per ora grazie mille
Ciao Stefano