Domande varie e suggerimenti.....forse

Ciao Gianni,
in primis ti manifesto la mia più ampia soddisfazione dopo aver avuto modo di provare la possibilità resa ora dal programma di effettuare Stazione libera TPS con soli 2 punti a comune con GPS, senza che la Stazione celerimetrica suddetta sia stata rilevata GPS.
In particolare mi sono trovato in una zona in cui il GPS era legato a volontà oscure birichine e la TS mi faceva piacere posizionarla (visibilità di più punti da rilevare), esattamente sotto un albero.
Alla fine, libretto PREGEO elaborato con successo e con facilità!!
Grazie Gianni! Sai bene quanto mi piace fare stazione libera!

Questo Topic, oltre a ciò, è finalizzato per chiederti quanto segue:

  1. è possibile visionare gli errori lineari e angolari di rototraslazione calcolati per l’unione di rilievo TS e GPS? Ovvero del Misto?

  2. la grafica che viene elaborata/lanciata su GSCad non mostra le linee congiungenti i PF, come invece mi pareva facesse un tempo;

  3. Suggerisco di inserire in GSCad la possibilità di:
    a) utilizzare il comando ALLINEA di Autocad. Tale comando lo reputo molto utile e rapido nell’inserire graficamente interi rilievi da altri *.dwg e/o immagini (tipo Estratti di mappa catastali). Almeno per me, questo è uno dei comando più usati;
    b) visionare, nel pannello proprietà di GSCad, le coordinate di un punto che vado a selezionare. La selezione del blocco/attributo del punto non mostra le coordinate.

  4. Fin dagli inizi ho sentito il bisogno di avere la possibilità di copiare un’intera riga (misurata) del libretto Geocat, magari anche un intero gruppo di righe anche non consecutive tra loro, ed incollare in altra finestra di libretto;

  5. In ultimo chiedo perchè GEOCAT non lancia un nuovo disegno in GSCad quando quest’ultimo è aperto. Accade quando GSCad è in attivo senza un disegno aperto. Tocca chiuderlo e farlo rilanciare da Geocat.

Ancora grazie. Saluti

Per me invece è un comando che NON HO mai utilizzato perchè non mi piace “sovrapporre” due entità sulla base di soli due punti.

Naturalmente questa è solo una mia opinione.
Saluti e buona giornata.

Ciao Alessandro e Fausto.

Alessandro, innanzi tutto ti ringrazio degli apprezzamenti, in effetti l’implementazione della stazione libera mi è costata molto lavoro a causa dell’ambiguità che si crea circa la posizione della stazione rispetto a punti di aggancio, posizione che può essere potenzialmente speculare, vedi questo brano del mio nuovo libro:

Calcolo_stazione_libera.pdf

Passando ai tuoi quesiti:

Non mi è chiaro cosa intendi, vuoi dire gli errori che possono verificarsi nell’aggancio TS-GPS mediante stazione libera? Se così, Geocat segnala già l’eventuale discordanza tra la distanza dei due punti di aggancio calcolata da: 1) le coordinate dei due punti derivanti dal GPS e 2) la risoluzione del triangolo formato dalle osservazioni TS. Se la differenza supera il valore di tolleranza che tu imposti nel menu`Configurazione | Calcoli, il programma ti dà questo messaggio:

Inoltre, se tu ti agganci a 3 punti anziché a solo 2:

Geocat calcola gli sqm per effetto della iperdeterminazione che si genera considerando le tre coppie di punti di aggancio, come puoi vedere da questa immagine e dal Report di dettaglio calcolo sotto riprodotto attivabile dall’apposira icona presente nella barra degli strumenti quando sei sulla tabella delle coordinate:

100  192.605    -77.696     13.830  aggancio per angolo e distanza ai punti 1001-1002
100  192.604    -77.690     13.831  aggancio per angolo e distanza ai punti 1001-1003
100  192.598    -77.695     13.831  aggancio per angolo e distanza ai punti 1002-1003
-----------------------------------------------------------------------------------------
     192.602    -77.694     13.831  valori finali
       0.004      0.003      0.000  sqm

No, le congiungenti i PF le disegna anche adesso, se non lo fa in un tuo rilievo c’è un’anomalia. Mandami via mail a gianni.rossi@corsigeometri.it l’intera cartella del Lavoro di Geocat zippata indicandomi il lavoro e i PF in cui non viene disegnata la congiungente che verifico.

Concordo con Fausto, due punti sono pochi (a parte che il comando ALLINEA ti permette di usarne anche tre applicando o meno la variazione di scala), ma probabilmente Alessandro lo usa per una sovrapposizione sommaria per capire la situazione dei due rilievi e non per trarne dati analitici.

Comunque, siccome vedo questa esigenza è abbastanza sentita, sto pensando di implementare sul CAD topografico di Geocat questa soluzione:

  • ho sul CAD il disegno di un rilievo e ne importo un altro proveniente da altra fonte (altro tecnico, ecc.) e lo metto a fianco al primo senza che si sovrappongano;
  • seleziono i punti omologhi dei due rilievi come fa il comando ALLINEA, ma senza il limite di tre punti, quindi potendo selezionarne quanti ne voglio.
  • a quel punto applico la rototraslazione ai minimi quadrati tra i punti selezionati, si apre a video la tabella con i relativi scarti;
  • elimino i punti con scarto ritenuto eccessivo e confermo quelli ritenuti validi;
  • a questo punto i due disegni vanno a sovrapporsi in funzione della rototraslazione così calcolata.

Cosa ne pensate?

Questo avvalora la mia tesi che nessuno legge mai la guida dei software. Infatti questa funzionalità esiste da sempre in Geocat, la trovi spiegata in questa sessione della guida in linea che si apre dall’icona ‘?’ (punto interrogativo) della schermata principale del programma, oppure direttamente dal file PDF che si trova nella cartella di installazione:
C:\Program Files (x86)\Tecnobit\Geocat 600:

No, Geocat apre un nuovo disegno in GSCAD quando questo è già aperto, ma perché avvenga in GSCAD devi avere almeno un disegno già aperto, anche nuovo e vuoto, basta che si sia almeno un disegno già aperto. È una questione tecnica.

Gianni ti segnalo che la guida non si apre più in automatico dal pulsante “?” a dx della finestra.
Occorre creare un collegamento sul pc alla cartella dove questa è residente C:\Program Files (x86)\Tecnobit\Geocat 600 “geocat.pdf”